Home Film Una Gita Scolastica

Una Gita Scolastica

Una Gita Scolastica
  • REGIA: PUPI AVATI
  • SCENEGGIATURA: PUPI AVATI, ANTONIO AVATI
  • FOTOGRAFIA: PASQUALE RACHINI
  • MONTAGGIO: AMEDEO SALFA
  • MUSICHE: RIZ ORTOLANI
  • INTERPRETI: Tiziana Pini – Prof.ssa Stanziani, Rossana Casale – Rossana, Giampaolo Cocchi – Cocchi, Carlo Delle Piane – Prof.Balla, Enea Ferrario, Gianluigi Gaspari, Gianfranco Mari, Ferdinando Orlandi – Direttore Hotel, Bob Tonelli – Cocchi, Marcello Cesena – Angelo, Giovanni Veronesi – Giuseppe, Americo Alberan, Alessandro Baraldi, Lidia Broccolino – Laura, Cesare Barbetti – Preside
  • PRODUZIONE: AMA FILM
  • DISTRIBUZIONE:  DMV
  • PAESE DI PRODUZIONE: ITALIA
  • ANNO: 1983
  • DURATA: 90 MINUTI

SINOSSI

Laura, ormai ottantaquattrenne, ritrova la foto di classe di terza liceo e rivive, in una sorta di dormiveglia che prelude alla sua morte, l’emozione di un momento speciale della gioventù, al termine dell’anno scolastico del 1914, alla vigilia della Prima guerra mondiale: la gita scolastica di tre giorni, concessa in premio alla sua classe, la terza G, la migliore del liceo. I trenta allievi, maschi e femmine, guidati dal professore di italiano e accompagnati dalla professoressa di disegno, attraverseranno a piedi l’Appennino da Bologna a Firenze passando per Sasso Marconi e Porretta Terme.

La ragazza, non brutta ma un po’ scialba, è innamorata di Angelo, il più bello della classe (conteso da tutte le compagne), e tenterà invano di conquistarlo; si accontenterà, alla fine, di avere dal suo amato un’attenzione di facciata che la renderà felice per il resto della gita, grazie a un regalo (l’orologio da tasca ereditato dal padre).

Il timido e impacciato professor Balla è innamorato della collega Serena, che lo porterà a riscoprire i propri sentimenti e a meditare sulla sua dichiarata “paura delle donne”. Serena è intenzionata a tradire in questa occasione, per ripicca, il marito adultero; ma dopo aver illuso Balla, avrà un’avventura con uno degli alunni. A gita conclusa, il professore, in forza del suo amore e nonostante la delusione subita, la difenderà dalle accuse delle autorità scolastiche e si allontanerà con lei; preludio, forse, a una vita insieme.

CURIOSITA’

Il film è stato girato tra Bologna (Piazza San Domenico, tomba di Rolandino de Passeggeri) e luoghi in Appennino quali Porretta Terme, le vecchie Terme di Porretta, il Castello Manservisi di Castelluccio e il Santuario della Madonna del Faggio fino al Lago Scaffaiolo.

Il ritratto di Pupi Avati è stato scattato da Luciana Mulas